THANGKA

LA PITTURA TIBETANA

Ecco una guida alla pittura Thangka, uno dei più bei lasciti artistici del buddismo tibetano, che fortunatamente oggi è più accessibile agli occidentali. Ti spieghiamo cosa significano, come vengono realizzati, quali temi trattano e altre curiosità su questa affascinante arte.

COS’È LA THANGKA TIBETANA?

Il thangka o tanka tibetano è un tipo di pittura realizzata su stoffa con pigmenti naturali, raffigurante scene ed entità buddiste o mandala, ed è tradizionalmente incorniciato con broccato.

Si possono ammirare nei templi, nei monasteri e nei centri buddisti, ma anche nelle case dove vengono appesi dai proprietari per scopi meditativi, religiosi o semplicemente decorativi.
Di solito hanno una forma rettangolare.
Il soggetto di questi dipinti tibetani comprende principalmente motivi e rappresentazioni di entità e archetipi buddisti.

SIGNIFICATO DI TANGKA

 

Questa parola è composta da “THAN”, che significa superficie o piano e “KHA”, che significa pittura degli dei.
Ha anche il significato di ciò che può essere arrotolato.

Come scrivere:

Si scrive anche Tangka, Thanka o Tanka, mentre in Nepal si usa il termine Paubha (questi dipinti sono stati realizzati in Nepal almeno dall’XI secolo).

La parola scritta in caratteri latini“thangkha” sarebbe secondo la pronuncia tibetana, mentre senza la seconda “h”, cioè“thangka“, sarebbe secondo la pronuncia cinese.

Come si pronuncia:

La pronuncia in spagnolo sarà tanca, h e g non si pronunciano e k e c si pronunciano allo stesso modo. Va notato che non abbiamo gli stessi fonemi del tibetano.

Questa è la bella grafia di questa parola in tibetano:

Thangka
Thangka_Eight_Armed

ORIGINE DELLA PITTURA THANGKA

 

Alcuni fanno risalire le origini di questo tipo di arte all’epoca del Buddha stesso, quando gli fu chiesto il permesso di prestarsi come modello per un ritratto commissionato dal re di Padna.
Stiamo parlando del VI-VII secolo a.C.
In questo caso il primo dipinto buddista sarebbe un ritratto del Buddha stesso.

Si dice che la sua origine risalga all’epoca del re tibetano Songtsen Gampo, che fu il primo monarca a portare il buddismo in Tibet, ed è proprio alla sua principessa Bhrikuti Devi, che nella tradizione buddista tibetana era considerata l’emanazione di un archetipo femminile chiamato Tara, che simboleggia la compassione, che si attribuisce l’introduzione di questo tipo di arte.

Si ritiene inoltre che quest’arte sia stata ispirata dagli antichi arazzi indù, poiché il buddismo è stato introdotto in Tibet dall’India.

Un elemento chiave per comprendere i pochi dati sull’origine della pittura tanka è la mancanza di documentazione storica, dato che la scrittura fu introdotta in Tibet non prima del IV secolo (il primo periodo per il quale sono stati datati i documenti scritti di Tunhong), se non più tardi, già nel VII secolo.

In ogni caso, i più antichi Thangka sopravvissuti sono in realtà pitture murali che si sono conservate in luoghi come le pareti delle grotte di Ajanta in India e altrove lungo la Via della Seta.
C’è stato un grande sforzo per recuperare queste opere e dar loro visibilità attraverso iniziative come quella della casa editrice Taschen e la sua collezione “Murales del Tibet”, un’edizione limitata firmata da Sua Santità il Dalai Lama.

I pezzi di tessuto più antichi che si sono conservati fino ad oggi potrebbero risalire al periodo compreso tra l’VIII e il IX secolo d.C..

La diffusione di quest’arte in India, Nepal e Tibet è inseparabile dalla diffusione del Buddismo stesso, motivo per cui a volte viene chiamata direttamente Thangka buddista; oggi vanta un’importante tradizione e, sebbene si parli spesso di thangka tibetani, questi vengono eseguiti in India, Nepal e altri paesi asiatici, così come in altri continenti, con artisti occidentali molto bravi che hanno imparato dai maestri di quei paesi.

MATERIALI UTILIZZATI

 

Questi dipinti sono realizzati principalmente su tessuti di seta o cotone.
In questo modo possono essere arrotolati e quindi trasportati facilmente.

Questo è un vantaggio non solo per il trasporto ma anche per l’occultamento, se necessario, ricordando che il buddismo ha subito repressioni in diversi luoghi e in diversi momenti della storia.

Per quanto riguarda la vernice stessa, vengono utilizzati diversi pigmenti diluiti in mezzi acquosi di diversa densità.
Questi pigmenti sono di origine naturale, minerale o organica.
È comune utilizzare l’oro in alcuni pezzi attraverso un processo di applicazione e successiva lucidatura per conferirgli una brillantezza spettacolare.

Pigmenti_colore_thangka

TRATTAMENTO E CONSERVAZIONE DEI DIPINTI

 

I pezzi sono solitamente incorniciati da broccati di seta o altri materiali, che vengono utilizzati per esaltarne la bellezza.
In altre parole, sono assemblati in tessuto.

La sua conservazione si ottiene trattandola con diverse tecniche ed evitando gli ambienti umidi e freddi, poiché la seta può danneggiarsi.
Molte opere sono conservate in magazzino e vengono portate fuori solo per esposizioni occasionali; il trasporto avviene in modo semplice arrotolando l’opera.
Il formato di questo tipo di dipinto è diverso dal concetto che abbiamo in Occidente di tela su legno e cornice in materiali rigidi.

In questo video esplicativo puoi vedere come vengono appesi e arrotolati per essere conservati e trasportati (in inglese con possibilità di sottotitoli).

Struttura delle opere

COME OSSERVARE UN TANKA TIBETANO

 

Come già detto, le rappresentazioni più comuni sono entità appartenenti al buddismo tibetano.

L’entità o divinità principale è posta al centro dell’opera (in questo caso il termine “divinità” ha più a che fare con l’idea di archetipo che con la connotazione di Dio occidentale), attorno alla quale sono solitamente rappresentate delle varianti (come versioni colleriche o altri tipi di emanazioni dello stesso concetto di personaggio), alcune scene sulla sua storia e diversi simboli, oltre a motivi vegetali o puramente geometrici.

Ci sono due temi particolari in questo tipo di arte, come la pittura mandala tibetana o la rappresentazione della Ruota della Vita o della Ruota del Samsara.

Il simbolismo è molto ricco in questi dipinti, pieni di icone e riferimenti a innumerevoli concetti della filosofia buddista.

Contemplare un dipinto tanka diventa un viaggio affascinante in cui ci si ferma ad ogni simbolo e ci si muove attraverso ogni diverso elemento seguendo un percorso che si consiglia di fare dall’esterno verso l’interno sotto forma di spirale o serpeggiando attraverso ogni dettaglio fino a quando non si viene catturati dalla magnificenza della figura principale che a sua volta, essendo generalmente antropomorfa, avrà diversi ornamenti e terrà nelle sue braccia, a volte multiple, diversi oggetti, ognuno con il proprio significato.

COME SONO FATTI

 

Puoi guardare un affascinante video su come viene costruito un thangka: dalla preparazione della tela, al disegno geometrico iniziale dell’opera, fino al completamento del dipinto.

TEMA

 

Il suo contenuto svolge funzioni sia devozionali che didattiche, rappresentando nelle scene, nei motivi e nell’iconografia gli insegnamenti buddisti.
Vengono rappresentate immagini del Buddha, ma anche altre entità o archetipi, come Avalokiteshvara, che rappresenta la compassione, Tara, di cui abbiamo parlato prima, o Manjusri, che rappresenta la saggezza, oltre a molte altre entità.

 

Queste entità mantengono forme pacifiche o talvolta hanno i loro alter ego collerici, perché sono esseri protettivi.
Questa “rabbia” non va confusa con l’odio, ma è simbolo dell’energia compassionevole e difensiva che producono, come quella di una madre che protegge ferocemente il suo bambino.

Guru Dragpur thangka

Dipinto di Guru Dragpur, una versione iraconda di Guru Rinpoche.
Istituto d’Arte di Chicago

Tara_thangka

Thangka raffigurante Tara (emanazione femminile del Buddha della compassione), Tibet XVIII secolo. Museo d’Arte Rubin. Collezione Wellcome

Queste opere hanno spesso una funzione più descrittiva e devono essere visualizzate o lette, come dicevamo, in un ordine specifico, passando attraverso diverse scene che narrano concetti della filosofia buddista.

È il caso della nota Ruota del Samsara, la cui rappresentazione narra le fasi attraverso le quali il nostro “continuum mentale” passa attraverso diverse reincarnazioni.

Quest’arte è considerata un mezzo di ispirazione, non solo per il suo significato, ma anche perché la sola vista (anche se il contenuto non viene compreso intellettualmente) agisce sulla “psiche” inducendo serenità e quiete.

In questo senso, all’interno dell’arte del tanka troviamo i famosi Mandala, figure geometriche di grande bellezza la cui combinazione di forme e colori può essere di per sé un oggetto di meditazione.

Questi mandala non sono solo fatti di stoffa, ma è anche tradizione crearli con sabbie colorate sul terreno, il che richiede un incredibile lavoro di precisione.
Queste opere, una volta terminate, vengono poi distrutte in modo rituale, spargendo e raccogliendo le diverse sabbie colorate.
Questo può sembrare scioccante e incomprensibile per i non addetti ai lavori, ma nella filosofia buddista fa parte della pratica e la distruzione del Mandala è un simbolo dell’impermanenza del mondo materiale.

Puoi vedere un affascinante video di questo processo.

GALLERIA

 

Puoi vedere alcune entità spesso rappresentate nei Tanka buddisti.

Questi bellissimi dipinti, così come l’immagine di copertina in cima a questa pagina, sono stati creati dall’artista Kunga Dorje.

Thangka Tara Bianca

Tara bianca

Chiamata anche “la Madre di tutti i Buddha”, è la perfetta incarnazione del potere sottile, della saggezza e della purezza.

Thangka Yamantaka

Yamantaka

Conosciuto anche come Vajrabhairava, è una delle tre principali divinità meditative della scuola tibetana Gelug.

Thangka Avalokiteshvara

Avalokiteshvara

A quattro braccia, rappresenta la gentilezza amorevole, la gioia, l’equanimità e la compassione.

OPZIONI PER L’ACQUISTO DI UN TANKA

 

Un dipinto thangka originale eseguito in modo tradizionale può richiedere all’artista settimane o mesi per essere completato, con un lavoro giornaliero di circa 6-7 ore.
I prezzi che vengono pagati per un dipinto originale dipendono da molti fattori e sono in effetti soggetti in una certa misura ai criteri del mercato dell’arte.
Tenendo conto del lavoro che richiede una persona con la formazione e il talento necessari per creare tali dipinti religiosi, ci sono opere che possono raggiungere migliaia di euro.

D’altra parte, ci sono artisti che offrono la versione stampata su tela o altri materiali per coloro che non possono permettersi il prezzo di un’opera originale dipinta a mano.

Esistono anche opere dipinte a mano che possono costare circa un centinaio di euro e che possono essere completate in pochi giorni con un risultato molto dignitoso.

Ecco alcune opzioni di artisti e negozi diversi.

Molti praticanti del buddismo tibetano, che meditano sulle divinità raffigurate nei tankas, optano per una versione stampata di queste opere d’arte, altri preferiscono pagare per un originale dipinto.

Si dice che in questo modo non avrai solo un bel quadro, ma anche un pezzo “carico” dell’intenzione e della volontà dell’artista, senza dimenticare che per l’autore la realizzazione di queste opere è anche un esercizio meditativo.

Di seguito sono riportate tre opere di Gandhanra Art

Tanka di Guru Rinpoche Padmasambhava

Tanka che rappresentano Guru Rinpoche

VISUALIZZA IL LAVORO

Tanka Buddha Amitabha

Tanka che rappresentano Amitabha Buddha

VISUALIZZA IL LAVORO

Tanka Vajrakilaya

Tanka che rappresentano Vajrakilaya

VISUALIZZA IL LAVORO

Dalla stampa Vajrayana, da Kathmandu, puoi vedere queste performance:

Tangka Shakyamuni Buddha

Tangka che rappresenta Shakyamuni Buddha

VISUALIZZA IL LAVORO

Samsara

Tanka che rappresentano la ruota del Samsara

VISUALIZZA IL LAVORO

Buddha della Medicina Tangka

Tanka che rappresentano il Buddha della Medicina

VISUALIZZA IL LAVORO

Saremo felici che questo post vi sia piaciuto e vi sia stato utile. Aiutateci condividendolo sui social media ♥

Facebook

Twitter

Tumblr

Pinterest

Ruota del Dharma

Ecco alcune domande frequenti come riepilogo:

Come interpretare una Thangka?

Questi dipinti sono composti da un simbolismo molto vario, ricco di icone e riferimenti a concetti e archetipi della filosofia buddista.
Si dice che, anche se non ne conosciamo il significato, possano in qualche modo influenzare positivamente la nostra mente.

Come si osserva una thangka?

Metti da parte le preoccupazioni del momento e guarda verso il centro dell’opera.
Senza forzare la nostra attenzione, ma lasciandoci trasportare dal dipinto e dalle sue scene.
Lascia che ci guidi, lascia che ci assorba.

Che cos'è la pittura Thangka?

Si tratta di un dipinto tibetano che, utilizzando pigmenti naturali su tela, raffigura scene e simbolismi buddisti.
Di solito sono incorniciati in broccato.
Hanno un valore religioso e meditativo, oltre che estetico.

Di cosa parlano questi dipinti tibetani?

Possono mostrare diverse rappresentazioni del Buddha e di altre entità che, sebbene alcune abbiano un aspetto “arrabbiato”, simboleggiano qualità positive.
A volte formano dei reticoli geometrici chiamati mandala.
Un altro tema comune è la “Ruota del Samsara”, che narra il ciclo delle esistenze.

SCRIVICI

Consulta tutto quello che vuoi.
Se sei interessato a saperne di più su queste opere o a commissionarne una, possiamo metterti in contatto con un artista in grado di consigliarti.
Non vediamo l’ora di leggerti.

(Tranne che per rispondere alla tua domanda, NON utilizzeremo il tuo indirizzo e-mail per nessun altro tipo di comunicazione).

5 + 6 =

Puoi scriverci anche via Whatsapp:

Nota: questo articolo contiene link di affiliazione che portano ai negozi degli artisti su altri siti di vendita non-Arteologic. Se effettui un acquisto, riceveremo una piccola commissione per aiutarci a continuare a sostenere il sito e a condividere il loro lavoro. Questo non influisce sul prezzo di vendita dell’artista.